News

0

Solenni celebrazioni al Sacro Monte Calvario di Domodossola in occasione della Festa di S. Croce, domenica 14 settembre 2014

Il Santuario del Santissimo Crocifisso_ANG_9715Si concluderà con il tradizionale concerto la festa patronale del Santuario del SS. Crocifisso al S. Monte Calvario di Domodossola, che si terrà Domenica 14 settembre p.v. con inizio alle ore 21.00. Nel Santuario de SS. Crocifisso, nell’ambito della stagione concertistica 2014 della Cappella Musicale del S. Monte Calvario, il soprano Federica Napoletani con il quintetto d’archi della Camerata Strumentale di S. Quirico, diretto da Anselmo Quartagno con Davide Besana e Silvia Arfacchia ai violini, Arianna Cartini alla viola, Giovanni Crivelli al violoncello e Roberto Mattei al contrabbasso, presenteranno l’esecuzione dello Stabat Mater in fa min. op. 61 di Luigi Boccherini (1743-1805).
La musica di Boccherini s'impone per la freschezza e la varietà melodica e per la finezza e l'eleganza delle idee, in un'armoniosa scorrevolezza discorsiva. In particolare nei quartetti d'archi sono racchiusi gli elementi caratteristici dell'intera opera del maestro di Lucca: l'organicità e l'animata giocondità delle figurazioni; una sincera vibrazione sentimentale nei tempi lenti; una giovanile brillantezza negli stacchi ritmici dei movimenti allegri. Come scrisse giustamente un musicologo di altri tempi «le piccanterie che affiorano talvolta nei tempi rapidi ricordano l'origine toscana del compositore; il fare manierato e distinto richiama l'uomo che ebbe lunghi contatti con la più cerimoniosa delle corti, quella spagnola; l'accuratezza della scrittura è assertrice di probità artistica. I maestri italiani che negli ultimi decenni del 

ANG_9596Settecento coltivano la stessa forma di Boccherini non possono essergli posti a paragone». Boccherini ha scritto due versioni dello Stabat Mater: una prima nel 1781 per soprano e archi e una seconda nel 1800 per soprano, contralto, tenore ed archi, entrata nel repertorio e realizzata, secondo una nota dell'autore riportata sulla copia manoscritta del Conservatorio di Parigi, «per evitar la monotonia di una sola voce e la troppa fatica a quest'unica voce cantante». È stato detto che Boccherini, nel musicare il famoso testo di Jacopone da Todi, ha tenuto presente l'omonima composizione di Pergolesi scritta in punto di morte: ciò in parte è vero per quel senso di intima e profonda malinconia che l'avvolge, ma questo non toglie nulla al valore dello "Stabat" di Boccherini, una pagina di schietto e puro sentimento religioso.

La Solennità della S. Croce verrà festeggiata con questo orario:

– ore 10.00, celebrazione S. Messa solenne, con la partecipazione della Cappella Musicale del S. Monte Calvario.
– ore 14.15, concerto il Civico Corpo Musicale di Domodossola presenterà un breve sul piazzale delle cappella.
– ore
15.00Secondi Vespri solenni, con la partecipazione della Schola Gregoriana del Sacro Monte Calvario e del Convivio Rinascimentale, durante i quali si snoderà la processione con la reliquia della S. Croce, accompagnata dal Civico Corpo Musicale di Domodossola, cui seguirà il tradizionale incanto delle offerte
– 
alle ore 17.30, celebrazione S. Messa vespertina.

L’attività della Cappella Musicale è resa possibile grazie alla sensibilità dell’Assessorato alla Cultura della Città di Domodossola, della Riserva Naturale Speciale del Sacro Monte Calvario e dell’Istituto della Carità – PP. Rosminiani, con la Parrocchia di Calice, con il sostegno della Fondazione CRT nell’ambito del progetto “Not&Sipari”.

Comunicato a cura di Adriano Alberti Giani 
foto, Angela Langhi

Commenti

Non ci sono Commenti

Lascia Una Risposta

Your email is never published nor shared. Required fields are marked *

*

© Copyright Parco Crea 2011 - P.IVA: 00971620067. All rights reserved.